Close

Page 2 of 3 FirstFirst 123 LastLast
Showing results 11 to 20 of 28
  1. #11
    IT Gjiom's Avatar
    Join Date
    21.02.2007
    Location
    RevitLandia
    Posts
    3.379

    Default

    Un giorno vi scriverò una filippica sul real-bim, che poi è il "processo" che viene messo in atto tramite il metodo BIM per progettare realizzare e mantenere una costruzione.

    Mayo, quel che intendi tu non esiste al momento e passeranno anni credo per vederlo realizzato anche solo in parte.
    Non lasciate che vi prendano in giro con la storiella dell'interoperabilità... nel modo bim non esiste che inizio un lavoro con un sw e lo continuo con un altro e/o mescolo i formati.
    IFC non è un "formato di scambio" ma bensì un "formato di stampa"... yes consideralo alla stregua di un pdf molto molto evoluto.
    Quello che ci fai ora è al massimo importarti un "qualcosa" come sfondo/contorno, ma pensare di rieditare e/o riusare quegli oggetti è follia. Più avanti forse... ma tanto forse.


    Se hai trovato qualcosa di più specifico di Revit per gli impianti civili e/o industriali, quindi non robe extraterrestri tipo quelle dell'oil & gas, che sia integrato con le altre discipline (arc str) che permetta il lavoro di gruppo (workset) magari a distanza (revit server) che vada d'accordo con pdm&c (vault) ed analizzabile per clash qto project ecc (navis)... fammi sapere.
    Bye Gjiom

    Alla fine di Marzo la sezione Italiana di questo forum sarà chiusa per svariati motivi che non starò a spiegarvi.
    Salvatevi i thread a cui tenete di più perché non avremo il dbase del forum.
    Se volete continuare a frequentarci vi aspetto su:
    www.revitforum.eu


    "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"
    http://www.revitlandia.com/download/...evitlandia.png http://www.revitlandia.com/download/...irma/gmail.png http://www.revitlandia.com/download/...a/linkedin.png http://www.revitlandia.com/download/...screencast.png http://www.revitlandia.com/download/...googleplus.png http://www.revitlandia.com/download/...irma/skype.png
    http://www.revitlandia.com/download/...t_assoc_80.png http://www.revitlandia.com/download/...onal_Badge.png
    "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

  2. #12
    Master Mayo's Avatar
    Join Date
    16.05.2011
    Posts
    751

    Default

    Mi confermi le voci che sento e quindi sono ancora più convinto che è meglio restare dentro Revit il più possibile. Sta passando al BIM uno studio per cui lavoro e io sto spingendo per I prodotti Revit and co proprio per questo.
    Grazie.
    "Non c'è sconfitta nel cuore di chi lotta!"

  3. #13
    IT Gjiom's Avatar
    Join Date
    21.02.2007
    Location
    RevitLandia
    Posts
    3.379

    Default

    Mah...
    Io, come sai, sono di parte in quanto "lavoro" nel circo adesk
    Ma in giro per il modo dicono che il prodotto bim dell'anno sia un altro: https://www.youtube.com/watch?v=6Wc1FrolKzA
    Quindi fatti due conti prima di scegliere he he he

    ----------
    Il fatto è che nel workflow (era da tanto che volevo usare sto termine) BIM non c'è un unico flusso di dati e non va sempre nella stessa direzione e non tutti i flussi arrivano alla fine. Alcuni modelli ad un certo punto "escono" dal flusso principale e seguono una loro strada. Non vi faranno ritorno se non in forma "semplificata".

    Esempios:
    -Ha senso calcolare le armature di travi e pilastri e portarsi poi dietro tutti i ferri in 3D ?
    Anche no.
    A me basta la forma e la posizione esatta del pilastro o della trave, poi gli diamo un nome e a questo nome associamo la tavola dei ferri. Possibilmente in .Pdf così sarà consultabile da quando lo costruisci a quando, dopo 50 anni, l'artificiere ci metterà le cariche per implodere il tutto (fine vita del fabbricato).
    Calcoli sviluppo & c falli come vuoi e con il sw che più ti aggrada. Anche Revit perché no... ma devi essere cosciente che quel modello ad un certo punto sarà "parcheggiato" in quanto non ha senso averlo dopo che il pilastro o la trave sono stati costruiti. Potrebbe servire... potrebbe (infatti ho il pdf)
    Se modellazione e calcoli non li avessi fatti con Revit? ma con Tekla, solo per citarne uno. La parte "ferraiola" sarebbe sviluppata e gestita da loro, compresi casseri, computi, ecc, ecc e quindi il modello è già fuori e ci rimane: ci servono solo gli ingombri ed i nomi (vedi esempio di prima).
    In questo caso ha più senso passare via IFC, o qualunque altro formato, per avere questi ingombri "in automatico" (sempre nel nome dell'interoperabilità) però scadenti come qualità ? oppure investo un po' di tempo e li rimodello per avere un ottima qualità degli oggetti ? (per il clash detection tanto per fare un esempio)
    (hai idea di quanti pilastri travi solette & c ti modello in una giornata ?)
    E non mi parlate di modifiche in corsa... basta essere un minimo organizzati.
    -Lo stesso esempio lo applichi alle celle delle facciate continue... calcolate e modellate di precisione con Inventor (Autodesk) oppure con Solidworks (concorrenza). Non fa differenza: il modello ha le pieghe delle lamiere, le viti, le alette delle guarnizioni, profili iperincasinati, forature, dadi e bulloni filettati, ecc, ecc Tutte cose che nel famoso workflow non servono.
    Quindi dati e modelli, e relativi disegni, che sono +/- fini a se stessi (o meglio hanno un compito preciso fine a se stesso (molto importante)), di cui io devo però solo tenere traccia. La mia famiglia semplificata in Revit avrà dei parametri che la ricollegano (con ID, codici, link, ecc) al costruttivo.
    La famosa interoperabilità va a farsi benedire anche in questo caso. E con lei la tecnologia che la dovrebbe consentire.


    Non sono contro agli IFC & c, anzi... solo che non sono la soluzione ai problemi che si scatenano quando in un progetto partecipano figure diverse con sw diversi.

    La mia visione degli IFC li colloca in una posizione più alta e più nobile.
    Mi piacerebbe molto che sostituissero la carta, i pdf, e tutto quello che ora si usa per trasmettere informazioni a: chi approva i progetti, chi deve farci i computi, da allegare ai contratti di appalto, chi farà manutenzione, ecc, ecc
    Non importa che sw hai usato per fare il modello, l'importante è che il modello sia "visibile & consultabile" da tutti (senza avere sw specifici).
    Bye Gjiom

    Alla fine di Marzo la sezione Italiana di questo forum sarà chiusa per svariati motivi che non starò a spiegarvi.
    Salvatevi i thread a cui tenete di più perché non avremo il dbase del forum.
    Se volete continuare a frequentarci vi aspetto su:
    www.revitforum.eu


    "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"
    http://www.revitlandia.com/download/...evitlandia.png http://www.revitlandia.com/download/...irma/gmail.png http://www.revitlandia.com/download/...a/linkedin.png http://www.revitlandia.com/download/...screencast.png http://www.revitlandia.com/download/...googleplus.png http://www.revitlandia.com/download/...irma/skype.png
    http://www.revitlandia.com/download/...t_assoc_80.png http://www.revitlandia.com/download/...onal_Badge.png
    "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

  4. #14
    Benutzer/Junior
    Join Date
    17.06.2015
    Posts
    45

    Default

    IFC non è un "formato di scambio" ma bensì un "formato di stampa"... yes consideralo alla stregua di un pdf molto molto evoluto.
    Quello che ci fai ora è al massimo importarti un "qualcosa" come sfondo/contorno, ma pensare di rieditare e/o riusare quegli oggetti è follia. Più avanti forse... ma tanto forse.
    Il fatto è che nel workflow (era da tanto che volevo usare sto termine) BIM non c'è un unico flusso di dati e non va sempre nella stessa direzione e non tutti i flussi arrivano alla fine. Alcuni modelli ad un certo punto "escono" dal flusso principale e seguono una loro strada. Non vi faranno ritorno se non in forma "semplificata".
    Ok, allora per avere un workflow reale (ossia, per come la intendo io, due sw che lavorano in tandem: ciò che modifico in uno me lo ritrovo nell'altro, in maniera più o meno diretta) ci vorrebbero sw tutti autodesk, acca, ecc...dato che avranno una modalità immediata di comunicazione oppure si baseranno sullo stesso dialetto di IFC, giusto? Ma se intanto, per essere pragmatici, si purificasse questo IFC così da renderlo standard e più ampio per accogliere tutte le informazioni e portarle fuori da Revit verso un altro sw già sarebbe molto. E questo penso sia già attualemente possibile. C'è Archicad per es. che sembra avere un'esportazione migliore in IFC verso Primus-IFC, per cui si può fare.

    Sul discorso di come le informazioni abbiano determinati scopi e vadano in seguito ad archiviarsi, e quindi la convenienza o meno di implementare un unico modello, sono d'accordo, ma l'importante è che ci sia possibilità di scambio di infos.
    Last edited by kairos : 10.07.2015 at 11:15

  5. #15
    Posting Freak sink69's Avatar
    Join Date
    07.02.2011
    Location
    Milan - Berlin - London - Madrid
    Posts
    1.487

    Default

    io giusto in questi giorni stò lavorando pesante con Tekla...
    e la marea di dati che si porta dietro l'IFC di Tekla una volta importato in Revit, è veramente pesantina!
    Sempre IFC è ma cmq IFC diverso da quello che esporta Revit....
    Guarda in allegato che ho provato ad importare un IFC tutto sommato super-ridotto in Revit...quelli che vedi sono i parametri di una saldatura lunga 22.4cm immaginati strutture complesse dove comunque hai a che fare con centinaia di migliaia di pezzi....e la mole di dati che si portano a spasso questi file....

    p.s.
    Non ho ancora capito se in Revit, con un IFC riesco a estrarre degli abachi oppure importare degli abachi da tekla direttamente... al max rimande una domandona per @Gjiom
    FACCHETTI DAVIDE
    ARCHITECT BIM EXPERT

    Facebook | Twitter | LinkedIn

    Alla fine di Marzo la sezione Italiana di questo forum sarà chiusa per svariati motivi che non starò a spiegarvi.
    Salvatevi i thread a cui tenete di più perché non avremo il dbase del forum.
    Se volete continuare a frequentarci vi aspetto su:
    www.revitforum.eu

  6. #16
    Benutzer/Junior
    Join Date
    17.06.2015
    Posts
    45

    Default

    Ok, allora conviene estrarre soltanto le infos necessarie allo scopo e tramite i vari formati IFC, oppure programmando un'esportazione ad hoc (possibile?)
    Poi per es. se importo un modello semplificato in Revit tramite IFC, lo posso aggiornare successivamente importando un altro IFC con informazioni aggiuntive? (immagino il casino con i contrassegni, ID, ecc).
    Comunque l'importante è che sia possibile trasferire (stampare) tutte le informazioni possibili e filtrarle a seconda dei casi.
    Last edited by kairos : 10.07.2015 at 12:37

  7. #17
    IT Gjiom's Avatar
    Join Date
    21.02.2007
    Location
    RevitLandia
    Posts
    3.379

    Default

    A suo tempo ho guardato la "struttura" degli IFC e recentemente ho letto le modifiche/implementazioni delle ultime versioni... è un po' un caos
    (e te lo dice uno che sa a memoria i codici fondamentali dei DXF di Autocad )
    La tabella di Sink capita a fagiolo (a proposito... grazie!) tutti quei parametri per una saldatura!!! Per qualcuno saranno pure importanti, non dico di no, ma a me un bel chissenefrega viene spontaneo...
    Capisci quando dico che "il" flusso BIM in realtà è un insieme di flussi e che alcuni restano col principale ed altri lo abbandonano per una strada tutta loro?

    due sw che lavorano in tandem: ciò che modifico in uno me lo ritrovo nell'altro
    Questo è lavoro collaborativo. Che si fa "realmente" solo con lo stesso sw... dopo aver provato i workset, revit server, vault & c capirai.

    Interoperabilità a cui ti riferisci non esiste attualmente se non in modo molto parziale e con millemila limitazioni e millemila problematiche... è più uno scambio di informazioni, a giochi fatti, non real-time.


    I file IFC si possono solo linkare, non caricare... quindi si, puoi aggiornarli. Se gli oggetti mantengono l'ID (ma dipende da sw che lo crea) non dovresti avere grossi problemi, altrimenti prevedo lacrime e sangue
    Bye Gjiom

    Alla fine di Marzo la sezione Italiana di questo forum sarà chiusa per svariati motivi che non starò a spiegarvi.
    Salvatevi i thread a cui tenete di più perché non avremo il dbase del forum.
    Se volete continuare a frequentarci vi aspetto su:
    www.revitforum.eu


    "Sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci"
    http://www.revitlandia.com/download/...evitlandia.png http://www.revitlandia.com/download/...irma/gmail.png http://www.revitlandia.com/download/...a/linkedin.png http://www.revitlandia.com/download/...screencast.png http://www.revitlandia.com/download/...googleplus.png http://www.revitlandia.com/download/...irma/skype.png
    http://www.revitlandia.com/download/...t_assoc_80.png http://www.revitlandia.com/download/...onal_Badge.png
    "Il BIM è anche un modello 3D, ma non tutti i modelli 3D sono BIM"

  8. #18
    Master Mayo's Avatar
    Join Date
    16.05.2011
    Posts
    751

    Default

    Questo argomento per me in questi giorni è davvero vitale in quanto come accennato, lo studio dove collaboro vorrebbe passare ad un flusso BIM.
    Per la par conditio, oltre ai pacchetti Autodesk (dove ovviamente faccio anche io il tifo in quanto ho e sto buttando tempo e soldi nell'imparare Revit in tutti i suoi aspetti) c'è un'altra software house che crea piattaforme multidisciplina tipo la piattaforma Revit Arch+Str(con Robot)+Mep e Naviswork?

    @Sink69: tu che sei fortino con Structure perchè stai imparando Tekla? Mi daresti delle buone ragioni per acquistare ed imparare Tekla quando crei gli arch con Revit? Ci sono degli evidenti vantaggi? E' così conveniente che si superano volentieri i casini dell'IFC?
    "Non c'è sconfitta nel cuore di chi lotta!"

  9. #19
    Benutzer/Junior
    Join Date
    17.06.2015
    Posts
    45

    Default

    Ok, ok, ok, non voglio arrendermi con Revit...Gjiom, per cuirosità, con quali sw lavori dal progetto preliminare al cantiere?

    Per ora vedo in revit questi lati positivi:
    - modello di informazioni;
    - facile realizzazione di elaborati grafici;
    - cronologia nel progetto;
    - calcolo strutturale con Robot (anche se non ho esp in questo).

    E questi lati negativi:
    - rigidezza nel software (non è né modellazione nè disegno, revit è altro);
    - interoperabilità ancora da sviluppare per bene (ma c'è volontà?);
    - appoggio su IFC che sembrano essere ingovernabili se non sei un informatico;
    - rigidezza...l'ho già detto??

  10. #20
    Benutzer/Junior
    Join Date
    08.04.2014
    Posts
    44

    Default Ifc-xml

    Quote Originally Posted by Gjiom View Post
    Premetto che non uso certi sw...
    Ho visto in azione questo http://www.str.it/software/str-visio...m/funzionalita dove è pensato dall'inizio un flusso di IFC per tutte le operazioni da fare sul computo via via che si passa dalla progettazione all'esecuzione.
    spero di aver quotato bene.
    difatti il software STR CPM vision, consente con un BIM viewer (simile a Primus IFC) di computare. il grosso vantaggio è che il CPM ha all'interno anche delle funzionalità per collegare dallo stesso computo sia il capitolato che il piano di manutenzione. Un bel colpo (3in1), cosa che PrimusIFC non fà.
    Arriviamo alle bestemmie..il punto è dialogare, come tutto del resto..
    CPM produce formati six (pagine xml) che dovrebbero esser convertite in dbm per aprirle con http://www.acca.it/software-conversi...rezzari-gratis e quindi poi con Primus.

    Ma per non bestemmiare troppo, avete delle referenze o delle soluzioni su come convertire un xml di CPM in dbm apribile poi da Primus?

Posting Rules

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •